Biglino ed il monoteismo ebraico Un altro tema che nelle sue conferenze il sedicente esperto biblico Mauro Biglino non manca mai di trattare è quello relativo al monoteismo ebraico.
 
Alle ore 10.45 di questa mattina, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i Membri della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali.
 
Ricordiamo la grande figura di Olivier Clément nel decennale della scomparsa. Figlio del libero pensiero e della sua crisi, scoprì la fede attraverso il fascino della libertà dello Spirito descritta dai pensatori russi: «Solo lo Spirito è rivoluzionario… Tutti i problemi sono in fondo religiosi» (Berdjaev).
leggi tutto
 
Quello che fa il Vangelo nel cuore dell’uomo è la stessa cosa che fa la cultura nello spirito umano: coltiva l’umano nell’uomo. Con la differenza che la cultura fa dell’uomo l’artefice della propria e altrui coltivazione (educazione), mentre il Vangelo mette a capo di quest’opera umana il Logos divino, il Verbo, la Parola/Persona che diventa carne, storia, vita.   leggi tutto
 

Dalla Vergine fiorisce l’albero della vita

La solennità del Natale nella tradizione bizantina è scandita da una lunga serie di tropari che glossano e cantano il mistero centrale della nostra fede cristiana: l’Incarnazione del
 

La venuta del Messia - di ABRAHAM SKORKA

La speranza di un mondo di concordia e armonia, in cui gli istinti distruttivi dell’umanità possono essere controllati e il potenziale spirituale insito negli esseri umani si manifesta al
 
Il mensile «Città Nuova» in occasione della beatificazione dei 19 martiri uccisi in Algeria fra il 1994 e il 1996, ha pubblicato la testimonianza di una focolarina che si recò nel paese nordafricano in visita alla comunità dei
 

L’Immacolata e Sancta Sophia

di Madre Lioba - Lo scrittore belga Maurice Maeterlink (1862-1949), nel suo libro “La vie des abeilles”  (1901), osserva un fatto sconcertante. L’ape, egli scrive, mostra di avere una sorta di razionalità che, se da una parte la
 

San Saba Archimandrita - terrasanta

Prima Padre del deserto e poi fondatore di particolari tipi di monasteri, detti «laure», san Saba Archimandrita (439-532) ha giocato un ruolo rilevante nella diffusione del monachesimo orientale. Nato da un’agiata famiglia cristiana della Cappadocia, nell’attuale Turchia, aveva
 
In occasione della festa di tutti i santi francescani che si celebra ogni anno il 29 novembre, nel giorno in cui papa Onorio III approvò la Regola (correva l’anno 1223), San Bonaventura informa ha intervistato fra Damian Gheorghe Pătraşcu, Postulatore generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali.
leggi tutto
 
La Chiesa russa ha bisogno di giovani vivi e creativi, aperti al mondo e col coraggio di rischiare. Solo così il cristiano può incidere nella società. Ma ogni atto vero e creativo è possibile solo nel rapporto personale e quotidiano col Cristo vivente.
 

Il samizdat e la scoperta della persona

Il samizdat è stato l’espressione creativa di una coscienza liberatasi dell’ideologia. Lo spunto originale del Convegno di quest’anno (ndr. 2018) nasce dalla precoce intuizione di padre Scalfi che il samizdat forniva un criterio universale per affrontare ogni crisi*.
 
Il 17 settembre di settant’anni fa, mentre l’Italia e l’Europa iniziano faticosamente a rialzarsi dalle macerie della guerra mondiale, avviene a Montecitorio il primo incontro tra Chiara Lubich e il parlamentare Igino Giordani. Un evento che
 
in occasione della Festività della Nascita di Maria ripubblichiamo il Dogma definito da Papa Pio XII
COSTITUZIONE APOSTOLICA MUNIFICENTISSIMUS DEUS  -  LA GLORIFICAZIONE DI MARIA
CON L'ASSUNZIONE AL CIELO IN ANIMA E CORPO
 

Imparare a sperare e ad avere fiducia

L’invito evangelico a discernere «questo tempo» (Luca, 12, 56), a giudicare «i segni dei tempi» (Matteo, 16, 3), ha ispirato il tema del ventiseiesimo convegno ecumenico internazionale di spiritualità ortodossa, «Discernimento e vita cristiana», che
 

Discernimento in tempi di crisi

di MAXIM VASILIJEVIĆ   ---    La questione del discernimento ha permeato la teologia cristiana sin dall’inizio. Questo fatto era dovuto all’insistenza dei maestri spirituali cristiani presso i quali il discernimento degli spiriti era
 

Il discernimento secondo Ireneo di Lione

di IRENEI STEENBERG   ---   Il “discernimento”, nel nostro discorrere ordinario, è in genere attribuito al dominio della pratica spirituale e della teologia ascetica. Questo tipo di ascesa verso la
 
Il discernimento come dimensione fondamentale della vita cristiana, sia personale che comunitaria. Infatti, così come il Vangelo richiede continuamente la vigilanza sui pensieri e le inclinazioni del
 

Storie di santa pazzia - di Giovanni Cerro

Nella Historia Lausiaca, composta attorno al 420, Palladio narra di una giovane donna ospitata in un monastero femminile nei pressi di Tabennisi, nella Tebaide, che «recitava la parte di pazza e indemoniata».
 

San Bartolomeo apostolo

Colletta
Confermaci nella fede, o Padre,
perché aderiamo a Cristo, tuo Figlio,  con l'entusiasmo sincero di san Bartolomeo apostolo,
 

Eccesso e paradosso dell’amore di Dio

Il pensatore e redattore della rivista «Stimmen der Zeit», Erich Przywara, fu un grande studioso e un grande conoscitore di altri pensatori: personaggi ormai storici e persone a lui coeve. Gli riuscì a gettare le basi di
 
(Samuela Pagani) Nella conclusione della sua monografia su Râbi‘a al-‘Adawiyya, la grande mistica di Basra morta nell’801, la studiosa inglese Margaret Smith scriveva: «Le donne sante sono una moltitudine […]. Esse rappresentano indubbiamente la più
 
(Francesco Chiabotti) Ritirarsi dal mondo può costituire un pericolo ben più grave del mondo stesso. La solitudine, credersi assieme a Dio, cela il male invisibile dell’illudersi di una tale mistica vicinanza. Come credersi vicini a Dio, lontani dalle
 

In terra straniera

MANUEL NIN   -    Nella tradizione liturgica bizantina lungo il periodo quaresimale molti tropari cantano la parabola del figliol prodigo. La parabola al quindicesimo capitolo del vangelo di Luca è letta nella seconda domenica
 
di Giada Aquilino
E’ stato in un campo di concentramento, “marchio infamante” del secolo scorso, che “Dio ha trovato Tito Brandsma degno di sé”. Con queste parole San Giovanni Paolo II nel novembre 1985 beatificava in San Pietro Tito Brandsma, carmelitano
 

Viene legato colui che scioglie Adamo

di MANUEL NIN

Il mistero pasquale nella tradizione bizantina viene inquadrato nella celebrazione della passione e morte del Signore in croce, la sua discesa all’Ade e la sua gloriosa risurrezione. Il Creatore di tutto, il Signore onnipotente e inaccessibile è inchiodato alla croce e muore. È messo in un sepolcro da Giuseppe di Arimatea e Nicodemo. Quindi il Signore che scende negli inferi per riprendersi Adamo e riportarlo al paradiso da cui era stato espulso.
 

Dio abbraccia l’uomo

di MANUEL NIN

L’Epifania del Signore celebra la manifestazione del Verbo di Dio incarnato. I testi liturgici della festa nella tradizione bizantina riassumono i principali misteri della fede cristiana: quello trinitario, l’incarnazione di Cristo, la redenzione ricevuta nel battesimo. Evento, quest’ultimo, celebrato durante la liturgia della grande benedizione delle acque che ricorda e celebra il battesimo di Cristo e di ognuno dei fedeli cristiani.
 

La fede di Giuseppe

di MANUEL NIN

L'ufficiatura bizantina celebra san Giuseppe, lo sposo della Madre di Dio, la domenica ’ufficiatura bizantina celebra precedente il Natale e in quella successiva. Diversi testi e la stessa icona della festa di Natale ne presentano la figura sotto diversi aspetti, ma in modo speciale come uomo della confessione di fede, che è quella della Chiesa. Giuseppe è la
 

Il costo della misericordia

di FRATEL RICHARD*

La misericordia di Dio, che la Chiesa è chiamata a comunicare, è senza limiti. «Noi chiamiamo “cattolica” la Chiesa — scrive san Cirillo di Gerusalemme nelle sue Catechesi — non solo perché è diffusa su tutta la terra, da un estremo all’altro, ma […] perché essa cura e guarisce ogni sorta di peccato, sia esso dell’anima o del corpo».
 

Tra terreno e divino

di Anna Foa

Il silenzio di Dio comincia per Chagall nel 1933. Già in un suo dipinto di quell’anno, che vede l’ascesa al potere di Hitler, Solitudine, ritroviamo i temi delle grandi opere successive, fino alla Shoah, dalla Caduta dell’angelo alla Crocefissione bianca.