Sotto la crescente pressione della comunità internazionale e con il tremendo inverno balcanico che si fa già sentire, le autorità bosniache hanno annunciato ieri la decisione di chiudere definitivamente il campo profughi di Vucjak, preso Bihac, nel nordovest del Paese, a ridosso del confine con la Croazia, dove
 
In esclusiva a Vatican News, il sottosegretario della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, racconta l'esperienza della propria famiglia durante la II Guerra Mondiale. Cardinale dal 5 ottobre 2019, come stemma ha scelto l'immagine di una barca con quattro persone: riflesso della sua storia e dell'impegno a cui è chiamato
 
Giunto ieri sera a Sofia (Bulgaria), il Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, Cardinale Leonardo Sandri, ha presieduto questa mattina la Solenne celebrazione inaugurale dell’"Eparchia di San Giovanni XXIII di Sofia" per i fedeli di rito bizantino-slavo residenti in Bulgaria, e l’insediamento del primo Vescovo, S.E. Mons. Christo Proykov. Erano presenti alla cerimonia il Presidente della Repubblica di Bulgaria, Rumen Radev, e la Presidente del Parlamento, Tsveta Karayancheva.
leggi tutto
 
CITTÀ DEL VATICANO. La presentazione dei lavori di restauro della Natività di Betlemme, iniziati nel 2013 e ora in procinto di concludersi, sono «richiamo alla pace, esortazione alla pace, impegno a favore della pace», innanzitutto in Terra Santa: lo ha sottolineato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, che ha voluto presiedere una cerimonia ad hoc, alla presenza di un rappresentante Unesco e del ministro degli Esteri palestinese Riyad al-Maliki, ospitata ieri nei Musei Vaticani. I palestinesi hanno espresso l’auspicio che il Papa possa tornare a fare visita nel paese l’anno prossimo.    leggi tutto
 
Betlemme (Agenzia Fides) - Gesù Bambino, nato a Betlemme, è “il Principe della Pace”, e per questo il completamento dei lavori di restauro della Basilica betlemita della Natività “diventa anche richiamo alla pace, esortazione alla pace, impegno a favore della pace. In Terra Santa, innanzitutto pace come frutto della ....

segue
 
ROMA. Le parole pronunciate a Trieste il 18 novembre da un Consigliere Comunale di Forza Nuova (ed ex-Lega), "Mi sento offeso come cattolico” perché Lilliana Segre aveva detto che “Gesù era ebreo”, più che suscitare stupore per l’ignoranza totale della storia della propria religione, ci manda un segnale di allarme sullo stato generale di conoscenza delle origini del cristianesimo e il suo profondo radicamento nell’ebraismo.
leggi tutto
 
ROMA. Le parole pronunciate a Trieste il 18 novembre da un Consigliere Comunale di Forza Nuova (ed ex-Lega), "Mi sento offeso come cattolico” perché Lilliana Segre aveva detto che “Gesù era ebreo”, più che suscitare stupore per l’ignoranza totale della storia della propria religione, ci manda un segnale di allarme sullo stato generale di conoscenza delle origini del cristianesimo e il suo profondo radicamento nell’ebraismo.
leggi tutto
 
(RC) Oggi, Mons. Paul Richard Gallagher, al suo rientro dalla Slovacchia dove aveva preso parte alla 26.ma Riunione dell'OCSE, ha ricevuto in udienza in Vaticano il Ministro degli Affari esteri dell'Egitto, Sameh Shoukry. La notizia è stata confermata e raccontata al Cairo dal portavoce del ministero, Ahmed Hafez, il quale ha sottolineato la soddisfazione delle due parti per l'ottimo livello dei rapporti bilaterali così come per il continuo scambio di opinioni e anche per la collaborazione concreta e puntuale.
leggi tutto
 
  (Peter Anderson) Today (Friday), the Holy Synod of the Ukrainian Orthodox Church – Moscow Patriarchate (UOC-MP) held its last session for the year.  The results of the meeting are summarized here.  The most important item discussed was to adopt a statement urging a pan-Orthodox meeting to examine the situation concerning the “Orthodox Church of Ukraine” (OCU) and the claims of the Ecumenical Patriarchate to be the “first without equals.” 
read more
 
Città del Vaticano - Pur di non mettere a repentaglio i buoni rapporti con la Turchia e non irritare Erdogan, il presidente Trump ha praticamente imposto a un senatore (Kevin Cramer, eletto nel Nord Dakota) di bloccare la mozione che era stata approvata il mese scorso al Congresso per il riconoscimento del genocidio degli armeni, il primo genocidio del XX secolo avvenuto nel 1915 sotto l'impero ottomano e costato la vita a 1 milione e mezzo di cristiani, sterminati attraverso un atto pianificato del governo di allora.
leggi tutto
 
Maronite Patriarch Beshara al-Rahi on Friday warned that “some embassies” are facilitating emigration for Lebanese citizens in order to “empty Lebanon of its people and Christians.” - Addressing the “young men and women of the civil protest movement,” al-Rahi warned them that “some embassies, which I will not name now, are facilitating the issue of emigration, as if it is a second war to empty Lebanon of its people and Christians.”
read more
 
LONDRA - Che cosa ci fanno Erdogan e Cat Stevens insieme a Cambridge, nel cuore della cultura e dall’anglicanesimo inglese? Innanzitutto sono amici da diversi anni, con il 71enne cantante, oggi Yusuf Islam dopo la sua conversione all’Islam nel 1977, che ha incontrato più volte il
 
Lo scorso 20 agosto 2019 è stato costituito un Comitato Superiore per raggiungere gli obiettivi contenuti nel Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza comune (Abu Dhabi 4 febbraio 2019). Esso è attualmente composto da membri cristiani, musulmani ed ebrei, e presieduto dal
 
NEW YORK, 5 dicembre 2019 (WAM) - Il Comitato Superiore della Fraternità Umana, un gruppo di leader religiosi, studiosi dell'educazione e leader culturali di tutto il mondo, ha incontrato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres e altri alti rappresentanti delle Nazioni Unite, per
 
Quasi 3mila giorni di guerra, mezzo milione di morti (questa è la cifra ufficiale anche se il vero numero dei caduti lo conosce solo la terra che li custodisce) e un Paese in ginocchio. Sono questi alcuni numeri della guerra che da oltre otto anni sta colpendo la Siria. Una guerra che ora non uccide solamente a colpi di mortaio o di bombe che piovono dal cielo, ma anche, e soprattutto, che stermina per mancanza di medicine e di beni di prima necessità, come ci spiega
 
Qamishili e Idlib sono le zone nel nord della Siria, vicine al confine turco, dove ancora si combatte. A fronteggiarsi in una sorta di 'tutti contro tutti' sono l'esercito siriano, con il suo alleato russo, quello turco, le milizie curdo siriane, i ribelli anti-Assad, i jihadisti di Hayat Tahrir al -Sham e gli Usa. A pagare le conseguente di questa guerra sono le popolazioni. Oltre 34 bambini sono rimasti uccisi nelle ultime 4 settimane, 8 solo durante gli attacchi alla città di Tal Rifaat, a nord di Aleppo. Il Sir ha raccolto le testimonianze da queste zone di combattimento...     leggi tutto
 
Baghdad (Agenzia Fides) – Niente alberi di Natale nelle chiese e sui sagrati, niente concerti e ricevimenti ufficiali: sarà un Natale sobrio e senza momenti conviviali pubblici quello celebrato dalla Chiesa caldea nell’Iraq scosso da proteste e scontri di piazza che hanno provocato finora centinaia di morti in tutto il Paese, e continuano anche dopo le dimissioni del Premier Adel Abdel Mahdi. Lo chiede il Patriarca caldeo Louis Raphael Sako, ....
leggi tutto
 
Kirkouk | Le patriarche de l’Église catholique chaldéenne d’Irak a annoncé mardi annuler les festivités de Noël après la mort de près de 430 personnes en deux mois de manifestations contre le pouvoir de Bagdad.   - «Nous n’allons pas installer de sapins décorés dans les églises et sur les places et il n’y aura pas de célébrations ni de cérémonies festives au patriarcat», a affirmé le cardinal Louis Raphaël Sako.  
read more
 
El Gobierno de Egipto confirmó ayer la entrega de permisos a otras 87 iglesias y edificios asociados para que puedan operar en el país, dado que hasta ahora llevaban a cabo sus actividades sin la autorización para ello. El portavoz del Ejecutivo, Nader Saad, resaltó que durante la jornada se revisaron además los progresos en el cumplimiento de los requisitos de protección a las cerca de 1.500 iglesias y edificios asociados a los que se dio autorización en el último año y medio.

leggi tutto - read more
 
Pubblichiamo, in una nostra traduzione, il discorso pronunciato il 30 novembre, sant’Andrea apostolo, dal patriarca ecumenico alla delegazione della Santa Sede presente al Fanar in occasione della festa del trono della Chiesa di Costantinopoli.
di BARTOLOMEO
 

Un incontro sempre nuovo

Pubblichiamo, in una nostra traduzione, il discorso pronunciato il 30 novembre, sant’Andrea apostolo, dal patriarca ecumenico alla delegazione della Santa Sede presente al Fanar in occasione della festa del trono della Chiesa di Costantinopoli.
 
«Mi rivolgo ai cardinali, ai vescovi, ai presbiteri, ai religiosi: apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo. Le risorse ci sono».
 
Nell’Est ucraino, alle prese con un sanguinoso conflitto in corso dall’aprile del 2014, quasi mezzo milione di ragazze e ragazzi continuano ad affrontare gravi rischi per la loro salute fisica e il loro benessere psicologico. Lo denuncia in una nota l’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, sottolineando i rischi per i minori, nonostante gli ultimi sviluppi che puntano a proteggere i diritti dei
 
CAIRO - Amid deadly protests in Iraq, a people’s uprising in Lebanon and continued suffering in Syria, Catholic leaders of the Middle East called upon officials of their homelands to “ensure safety, peace and tranquility and stability for their citizens.”
 
Dai racconti delle donne che avevano sposato la missione del sedicente Stato Islamico emergono storie terribili: Al Jazeera fa luce sulle torturatrici della polizia religiosa istituita dall'organizzazione terroristica islamica. Una sola la parola d'ordine: rapire, colpire, torturare e uccidere le infedeli, le donne crociate o semplicemente senza velo.
leggi tutto
 
A una settimana dal sisma del 26 novembre scorso, che ha provocato 51 morti e circa 2.000 feriti, in Albania si comincia a fare la conta dei danni. Fonti del Governo parlano di “gravi danni” a circa 900 edifici a Durazzo e oltre 1.465 nella capitale Tirana. Sono 2.633 i cittadini sfollati ospitati in strutture alberghiere di Durazzo, Shengjin e Kavaja, oltre 2.500 quelli alloggiati presso i parenti. Domani in Albania il commissario europeo per la gestione delle crisi, Janez Lenarcic. A tutto campo e senza sosta l'impegno delle Caritas, Misericordie di Italia e di Avsi con la sua partner locale “Shis” ...
leggi tutto
 
Jerusalén (Agencia Fides) - Continúan las iniciativas y las movilizaciones apoyadas por entidades culturales israelíes que tiene como objetivo revitalizar el idioma y la identidad aramea. El domingo 1 de diciembre, representantes y académicos de comunidades cristianas sirias y sirias de todo el mundo se reunieron en Jerusalén para participar en una conferencia organizada por el Comité para el
 
Il regime islamico degli ayatollah, in crisi economica, ha alzato il prezzo della benzina nottetempo provocando la rabbia della popolazione. I pasdaran, tra il 15 e il 20 novembre, hanno massacrato centinaia di persone

leggi tutto
 
È ancora tutt’altro che sicuro che i partiti israeliani riescano a formare entro l’11 dicembre un governo di grande coalizione, evitando così le terze elezioni anticipate in un anno. Nel frattempo la difficileimpasse politica di Gerusalemme ha contagiato la campagna elettorale di un voto anticipato già deciso: quello fissato per il 12 dicembre in Gran Bretagna.
leggi tutto
 

Gli “esseni” di Gerusalemme

Gerusalemme, ottobre 2019. Tra l’ammirato e lo scherzoso i confratelli francescani li chiamano gli “esseni”, a indicare la dedizione assoluta, e per certi versi mistica, a una